martedì 30 marzo 2010

Letterina al MoVimento Cinque Stelle

Caro MoVimento Cinque Stelle,

c'era una volta Giuliano Ferrara, aveva un giornale e voleva essere un ateo devoto (?!?!?), provò a candidarsi e prese la celebre "sonora pernacchia". A queste elezioni, quelle dell'astensione come reazione al fatto che "tutto va a rotoli" (anche se dx e sx hanno un diverso concetto di "rotolo"), voi dal nulla avete dirato fuori 2, 3 e più del 5. Il tutto con internet, passaparola e zappando la politica old style direttamente sul territorio. Chissà cosa potevate fare con, che ne so, tre reti televisive...

Comunque, ecco la mia personale lista di aspettative, sfide e timori per i prossimi 5 anni:

1. L'impegno sarà lo stesso: monitorare, capire, analizzare. Solo che stavolta non sarà solo un'azione da cittadini, blogger o membri di un meetup dall'esterno ma si potrà agire in situazione.

1.1 Di certo scopriremo quant'è lo stipendio in Regione e magari con la vostra operazione trasparenza, anche i costi della macchina Regione saranno più chiaro. E poi, ecco, vorrei vedere che faccia farà la politica standard quando pubblicherete i resoconti delle vostre spese elettorali autofinanziate... Chissà se alla fine delle elezioni qualcuno valuta l'efficacia della campagna misurando il rapporto spesaelettorale/voti.

2. Quasi mi commuovo: c'è il rischio che una promessa elettorale (quella sullo stipendio) mantenuta. Carcarlo Pravettoni vi ucciderà!

3. Mi auguro che non vi abituiate mai alle discussioni in Regione e che vi sentiate sempre un po' piacevolmente spaesati, come se un diplomato dovesse andare a intervistare i senatori a vita. Soprattutto mi auguro il contrario: che non si abituino a voi (anche se vista la natura di rete e l'idea di limitare le legislature le persone dovrebbero cambiare). Se succedesse una delle due cose sarebbe il fallimento.

4. Nel lenzuolone della scheda elettorale il MoVimento non era in nessuna alleanza (a differenza della Lega, che è per la semplificazione e poi fa il mescolone). Ora, l'UDC (e anche la Lega agli inizi) insegnano che anche con un 3% si può essere determinanti. Spero che il MoVimento non si dalemizzi immolandosi in nome della ragione di Stato, anzi, di Regione in cose tipo "ti appoggio sull'inceneritore se tu mi appoggi per limitare le legislature".

5. Ora che c'è qualcuno nelle regioni nascerà una nuova fonte di informazione nazionale come beppegrillo.it ma più mirata nei contenuti e incredibilmente propositiva come i meetup?

6. Che idee avete per la gestione del budget ricavato dall'autolimitazione sullo stipendio?

Non mi resta che augurarvi buon lavoro! Attendo vostre notizie e spero che mi vada meglio che con Paolo Cattaneo.

Condividi




Post Correlati:
Lettera a Paolo Cattaneo
Esperimenti di democrazia partecipativa virtreale: il MoVimento Cinque Stelle e la questione Beppe Grillo
Il terzo candidato, il candidato etico, candidato del buon senso, candidato indipendente... il perdente
Disastro idrico: una questione (questa sì) di diritto alla vita

3 commenti:

  1. Segnalazione: il MoVimento ha provato a dirmi la sua, ma blogger ha avuto problemi e il commento s'è perso. Le news arriverrano se non ci saranno problemi. Segnalo anche la stampa tradizionale ha iniziato a accorgersi che esistono i candidati del MoVimento e adesso prova a intervistarli. Chissà se diranno "vi abbiamo sempre seguito"...

    RispondiElimina
  2. quando vuoi contattaci a info@piemonte5stelle.it

    RispondiElimina
  3. Bono 1 - Cattaneo NP.
    Davide, see you soon on twitter (intento faccio girare entro i miei limiti lo streaming per domani).

    RispondiElimina