sabato 10 luglio 2010

Tweetdeck Organizzazione Cervello



Da più voci e da più parti mi è stato richiesto di spiegare un po' "come CiADueZetaO funziona twitter!" visto che qui mi capita spesso di parlarne.

Penso che il modo migliore sia parlare di tweetdeck. Tweetdeck è un comodo programmino - potete scaricarlo dal link precedente, gira diversi OS per pc e su iphone e ipad - che vi consente di organizzare il materiale in ingresso (i contatti) sui vostri social network. Se proprio volete potete usarlo non solo per Twitter ma anche con facebook, linkedin, foursquare, buzz e myspace. Qui però, per ora, mi limito a presentarlo per Twitter.

Prima di passare a Tweetdeck, due parole su twitter.
Twitter è un servizio di microblogging basato su messaggi di 140 caratteri. In questo spazio fate in tempo a presentare un titolo e un link (ci sono tanti programmi che riducono le dimensioni dell'indirizzo da linkare, tipo tinyurl o bit.ly). Fosse solo così servirebbe a poco.
Ci sono però 4 comandi e l'impostazione del network degne di nota.

IMPOSTAZIONE
Twitter non richiede amicizie da accettare. Quello che potete fare è seguire (follow) una persona e i suoi aggiornamenti (tweet). Facendolo non avete nessuna garanzia che lui segua i vostri tweet e, viceversa, nessuno vi obbliga a seguire tutte le persone che decidono di seguirvi.
Questa è la dinamica following/follower che è molto più elastica e immediata delle amicizie di facebook e myspace.
Da qui si vede già una cosa: un follower non è necessariamente né un amico né un fan!

COMANDI e TWEETDECK

Ecco i 4 comandi di base: menzione (@), ashtag (#), retweet (RT) e messaggio diretto (D) con la loro sintassi per tweetdeck e una breve spiegazione. Se usate twitter senza tweetdeck li ritrovate a spasso nell'interfaccia di twitter. (Brevemente: Facendo reply ottenere la manzione (@), l'ashtag (#) lo inserite a mano in entrambi i casi, il retweet lo fate selezionando il messaggio mentre per i messaggi diretti dovete aprire il profilo della persona a cui mandare il messaggio e scegliere "invia un messaggio a".

@nomeutente: con @ seguito dal nome di un utente chiamate in causa una persona specifica presente su twitter. Non importa che lui vi segua o voi seguiate lui. Con @ potete chiedere o dire qualcosa a chiunque vogliate. Il messaggio in cui compare @ verrà visualizzato dai vostri follower (che vi seguono, quindi si prendono tutti i vostri messaggi) e in una sezione speciale del profilo dell'utente che avete indicato con @, le menzioni. Poi sta a lui rispondere o meno.

#nomeargomento: con # (ashtag) seguito da quello che volete create un tag per l'argomento preceduto da #. Volete parlare con i lettori di wired? #wired. Volete parlare dei mondiali? #worldcup, volete protestare contro la legge bavaglio? #noalbavaglio.

RT (retweet) di un tweet di tweet altrui: come col "condividi" di facebook: prendete il messaggio di qualcuno e lo condividete con chi vi segue. Con tweetdeck potete anche fare editing prima di retweetare.

D (nomeutente): in questo modo potete mandare un messaggio privato (=che non viene visualizzato nelle timeline dei vostri follower) con un utente.


E ADESSO, LE COLONNE!

A questo punto siete pronti a interagire con la twittosfera e, probabilmente, finirete col seguire troppe persone. Tweetdeck vi consente di organizzarle in comode colonne. Come? Il video a inizio post dovrebbe aiutarvi a vedere come si fa.

In pratica: selezionate "add column", gli date un nome e poi inserite gli utenti che appartengono alla categoria (ad esempio, amici, imperdibili, informazione, giocatori di tennis, etc etc). La lista può essere pubblica o privata, nel primo caso rendete un servizio alla comunità: anche gli altri infatti possono seguire la vostra lista.

Spero di essere stato sufficientemente chiaro.
Per tutto il resto ci sono i commenti o, se volete, mi trovate come @endecasillabo su twitter.

P.s: ancora titubanti su tweetdeck? Vi dirò anche che potete programmare in anticipo i tweet (scrivi X alle ore Y del giorno Z) e gestire più profili contemporaneamente (twitter, facebook, myspace).
Ultima chicca: se avete un pc a cui è stato bloccato l'accesso a Twitter con tweetdeck state usando un programma, quindi dovreste aggirare l'ostacolo. Buoni esperimenti!


Post correlati
Twitter o tutto a portata di mano
Twitter e la politica
Wired: Yoany Sanchez in Triennale

Nessun commento:

Posta un commento